sabato 30 giugno 2007

Angel Sanctuary

"..Ascoltate il dramma della specie alata
che vola alta nel Cielo.
Loro sono i messaggeri del Creatore.
Sono quelli che annunceranno il giorno del
Giudizio Universale.
Non sono nè Dei nè Uomini.
Si chiamano Angeli..."

(Angel Sanctuary vol.1)


Finalmente ho finito di leggerlo!! Mio Dio! È stata una vera e propria impresa! Più andavo avanti e più la storia diventava contorta! Riuscire a tenere in mente tutto quello che accadeva è stato complicatissimo! Infatti se qualcuno mi chiedesse di fare il riassunto di questo manga non so se ci riuscirei! Forse potrei descriverlo solo a grandi linee, ma tutti i particolari e le storie fra i vari personaggi non credo che riuscirei a nominarle, perciò passiamo al mio giudizio personale:
Nel complesso questo manga mi è piaciuto "a metà". La storia è originale e coinvolgente, ma troppo intricata e contorta! Da ammirare è lo studio sugli angeli fatto dall'autrice: i nomi della maggior parte dei personaggi e dei luoghi non sono presi a caso, ma da veri testi sacri. Ho apprezzato le varie citazioni prese dalla Bibbia (azzeccatissime quelle dell'Apocalisse negli ultimi volumi), e anche  il modo in cui è curato nei minimi dettagli il carattere di ogni personaggio.  Oltre a questi apprezzamenti però, devo fare un po' di critiche: l'autrice avrebbe potuto benissimo evitare qualche personaggio, alcuni secondo me sono veramente inutili e non hanno fatto altro che allungare il brodo e rendere la storia  dispersiva. Credo che di Kaori Yuki siano più belle le storie brevi, non ne ho letto molte, però quelle poche che mi sono capitate tra le mani le ho trovate migliori rispetto Angel Sanctuary.

Il mio personaggio preferito è stato Sakuya Kira, il senpai di Setsuna Mudo, il quale alla fine si scopre ***SPOILER (evidenziate il testo per leggere!)*** essere Lucifero!!!  ***FINE SPOILER***
Secondo me è il personaggio più interessante, e mi è piaciuto perché piano piano inizia a rendersi conto di provare anche lui dei sentimenti come qualsiasi comune mortale. Inoltre tra la storia d'amore fra Setsuna e Sara ho preferito di gran lunga la sua con l'angelo Alexiel.

Dopo il fumetto ho visto anche l'anime. Sono solo 3 episodi e, se non sbaglio, arriva solamente fino a metà del quinto volume.
Per fortuna nell'anime la storia è più comprensibile (almeno per me che ho letto il manga!) e non compaiono tutti quei personaggi inutili. Non capisco però come mai l'abbiano lasciato incompleto. Il manga ha fatto moltissimo successo sia in Giappone che nel resto del mondo, sono sicura che anche l'anime non sarebbe stato da meno. Misteri!


 Alcune Citazioni

Anche se quella ferita è guarita, la ferita che è dentro di me si è trasformata in un immagine indimenticabile, e forse per tutta la mia vita
non sparirà mai...
(Setsuna - vol.1)

Veniamo classificati in categorie di bravi e incapaci dalle regole degli adulti.
Le nostre ali sono state strappate...
Nessun adulto ci aiuta... perchè non farsi coinvolgere è il modo più semplice per vivere.
(Setsuna - vol.2)

..Che vergogna!
Questi sono davvero Angeli?
Sono pieni di desideri maligni e affamati di sangue.
Hanno solo uno spirito debole che vive in un corpo che si degrada facilmente.
In che cosa sono diversi dai Demoni?
Se si considera che i demoni non usano belle parole per coprire le proprie intenzioni, essi sono più sinceri degli angeli.
(Alexiel - vol.2)

Questi miei sentimenti non sono recenti.
So benissimo che già allora tu per me eri tutto.
Ti amo da morire, ma non posso toccarti.
Se ti abbraccio ti faccio male benchè non abbia nessuna intenzione di ferirti!
(Setsuna - vol.2)

Ci sono delle cose che non devi assolutamente confessare.
Se le confessi, tutto finisce.
Anche alle persone vicine...
A volte devi continuare a mentire...
(Kira - vol.2)

Alexiel: "Qual è il tuo desiderio, Nanatsusaya? Quando avrò trasformato questo mondo in un posto pieno di luce, che cosa vorrai?"
Nanatsusaya: "Il mio desiderio è solo uno Alexiel: voglio toccare i tuoi capelli. Se avessi due braccia con cui poterti abbracciare... Se avessi un corpo con cui poterti scaldare..."
[NOTA: Nanatsusaya è una spada nella quale era rinchiusa l'anima di Lucifero. (vol.7)]

Quando impareremo come scegliere la persona giusta per noi e come amarla senza commettere sbagli?
(Cry - vol.7)

Con le mie stesse mani mi sono strappato le corde vocali in modo da non peter mai più proferire una maledizione.
(Uriel - vol.7)

Se ci si sofferma un attimo a riflettere, anche in un fumetto, all'apparenza superficiale e senza senso (parlo in generale), si può trovare un insegnamento di cui fare tesoro. In Angel Sanctuary, Uriel arriva addirittura a strapparsi le corde vocali pur di evitare di far del male a chi ama. Secondo me, molte volte faremmo meglio a tener la bocca chiusa invece di ferire in continuazione chi ci sta intorno.

Posso fare solo una cosa: pregare per voi affinchè non vi accada nulla. Andate a trovare chi desiderate vedere, come vi suggerisce il cuore. Cercate sempre la verità e siate felici. Non dimenticate che siete nati nell'amore.
(Adam Kadamon - vol.26)

giovedì 28 giugno 2007

Tetragrammaton Labyrinth (vol. 1)


Trama: "Se si potesse dare una definizione di peccato, la mia esistenza stessa lo sarebbe”. Una striscia di efferati omicidi sta mettendo in ginocchio gli investigatori di Scotland Yard. Qualcosa di soprannaturale si aggira per i vicoli della metropoli inglese, perennemente avvolta dalla nebbia. Testimoni assicurano di aver avvistato una suora accompagnata da una bambina con una lunga falce inseguire esseri che non appartengono a questo mondo.

Impressioni Personali: Questo manga mi è piaciuto sia dal punto di vista della storia che da quello dei disegni. Il compito della suora e della bambina con la falce è quello di dare la caccia a degli esseri demoniaci che vogliono impadronirsi delle anime degli uomini. Mi ha colpito molto il personaggio della piccola Angela (la bambina con la falce), alla quale è stata rubata l'anima da una creatura del male, e per questo è condannata a vagare sulla Terra per l'eternità, senza poter crescere né morire. Sono curiosa di scoprire come proseguirà la storia e come verrà approfondito e sviluppato il suo personaggio!

Tutti noi, dal momento in cui nasciamo, iniziamo a dirigerci verso la morte... Lentamente... Lentamente..
(Tetragrammaton Labyrinth)

Curiosità: Tetragrammaton in greco significa "4 lettere". In particolare si riferisce a quelle  che formano il nome  più grande di Dio, ovvero YHWH.


EDIT del 5 Agosto 2016: Purtroppo la pubblicazione di questo manga non è mai proseguita e sono stata costretta ad interromperne la lettura. A distanza di quasi 10 anni da quando ho scritto questo post i miei gusti sono cambiati quasi completamente, quindi, anche se riuscissi a procurare i restanti volumi (5 in tutto), non li leggerei.

sabato 23 giugno 2007

Ikigami (vol. 1)

Trama: Che cosa faresti se ti venisse detto che oggi è il tuo ultimo giorno di vita? Il governo nipponico ha legalizzato un incubo: notificare con un “ikigami” - un annuncio di morte - il decesso di una persona nelle successive 24 ore. Ogni giapponese porta in corpo una letale capsula velenosa pronta a dischiudersi per chi ha ricevuto un ikigami. Queste esecuzioni casuali si prefiggono di ricordare alla popolazione l’importanza della vita.
Ogni volume ruota intorno alle storie delle persone che hanno ricevuto un “ikigami”, seguendole nelle ultime 24 ore della loro esistenza

Impressioni Personali: Più leggevo e più l'ansia saliva! Sicuramente è una cosa voluta, ma non mi è piaciuto per niente sentirmi così! Ricordare l'importanza della vita uccidendo la vita stessa: una cosa assurda e allo stesso tempo stupida!
È vero che molti esistono senza vivere, ma arrivare ad una soluzione estrema come questa non porta a nulla di buono. Non solo si uccide una persona innocente, ma si fanno soffrire anche le persone ad essa vicine. Quindi non si migliora la vita di nessuno, anzi, insieme a quella del mal capitato di turno, se ne peggiorano altre.
Come dicevo, sicuramente lo scopo di questo manga è quello di tenere sempre in tensione il lettore, ma anche quello di dargli uno spunto di riflessione su come vivere la propria vita senza sprecarne nemmeno un minuto. E ci riesce! Ma purtroppo non fa per me, perché sono già abbastanza ansiosa di mio e quando leggo ho bisogno di qualcosa che, al contrario della vita reale, mi faccia evadere e rilassare.

Che cosa farei se mi venisse detto che oggi è il mio ultimo giorno di vita? Credo che: 1) Mangerei della cioccolata; 2) Impazzirei al pensiero di non riuscire a realizzare tutti i miei desideri; 3) Morirei d'infarto prima della scadenza delle 24 ore! XD

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.
(P. Neruda)

venerdì 22 giugno 2007

Le Chevalier D'Eon (vol. 1)

Trama: Francia, 1700. Il Regno del Re Sole è invaso dal terrore per colpa di misteriosi omicidi. Le vittime sono delle giovani fanciulle alle quali viene tirato il sangue da strani "poeti" e poi utilizzato come inchiostro per dare vita a mostruosi esseri che stanno ai loro ordini. Di fronte a quanto sta avvenendo per le strade di Parigi perfino le guardie reali sono impotenti. Solo il giovane Chevalier D'Eon, (figura storica realmente esistita: D’Eon de Beaumont), può combattere contro di loro e per riuscire a scoprire cosa sta accadendo, quale sia lo scopo di questi poeti, assume l'identità della sorella, anch'ella uccisa dai poeti.
Da questo fumetto è tratta anche una serie animata.

Impressioni Personali: Questo manga purtroppo non mi ha colpita più di tanto. Lo schema principale è questo: il poeta uccide una ragazza, scrive il poema, nasce il mostro, D'Eon (travestito da donna) combatte contro il mostro. STOP!

Ho visto anche il primo episodio dell'anime, e... sorpresa!! È completamente diverso dal manga! La prima differenza che salta all'occhio è quella sui disegni:



Un'altra differenza sta nel modo in cui D'Eon si trasforma nella sorella: nel manga, prima che lo spirito della sorella si impadronisca del suo corpo, è lui stesso a  travestirsi da donna (con tanto di parrucca!! XD); nell'anime invece, il suo corpo viene magicamente mutato in quello della sorella, la quale ovviamente è stata disegnata con viso, colore  e lunghezza di capelli identici a quelli del fratello! Oltre a questi particolari ci sono differenze anche per quanto riguarda la storia. Mi sembra che l'unica cosa in comune siano gli omicidi compiuti dai poeti, ma forse è troppo presto per dirlo con certezza. Comunque non credo andrò avanti con nessuno dei due!

mercoledì 20 giugno 2007

L'Attimo Fuggente (Citazioni dal Film)

"Andai nei boschi perché volevo vivere con saggezza e in profondità, succhiando tutto il midollo della vita. Per sbaragliare tutto ciò che non era vita e per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto."

"Vivi la tua vita intensamente prima che tutto finisca... perché dopo saremo cibo per i vermi e concime per i fiori..."

"Cogli la rosa quando è il momento, che il tempo lo sai che vola, e lo stesso fiore che oggi sboccia domani appassirà."

"Non leggiamo e scriviamo poesie perché è divertente. Leggiamo e scriviamo poesie perché apparteniamo alla razza umana. E la razza umana è piena di passione. La medicina, il diritto, l'economia e l'ingegneria sono nobili occupazioni, necessarie alla sopravvivenza. Ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l'amore... queste sono le cose per cui vale davvero la pena vivere."

"Insegnare a me l'amore? Ragiona con la testa piuttosto! Io sono già maestro solo. Il Dio dell'Amore, se ne esiste veramente uno, ha imparato l'amore da me."

"Offuscate tutte le stelle, perché non le vuole più nessuno. Buttate via la Luna, tirate giù il Sole, svuotate gli oceani e abbattete gli alberi, perché da questo momento niente servirà più a niente."

McAllister: "Mostratemi un cuore libero da stupidi sogni e vi mostrerò un uomo felice."
Keating: "Ma soltanto nei loro sogni gli uomini possono essere liberi. Così è sempre stato e così sarà sempre."
McAllister: "Tennyson?"
Keating: "No, Keating."

"Carpe Diem. Cogliete l'attimo, ragazzi. Rendete straordinarie le vostre vite."


venerdì 15 giugno 2007

Campione del Mondo per un Istante


Un'altra cosa da aggiungere nell'elenco "Cosa Ho Fatto Nella Vita?"
  • ................. .......... ............
  • ................. .......... ............
  • Ho toccato la Coppa del Mondo!!! *__*


Dalla foto non si può notare, ma le mani mi tremavano e il cuore mi batteva forte forte per l'emozione... Sembra incredibile che sia passato quasi 1 anno da quella notte indimenticabile...
Quando mi sono avvicinata alla Coppa, a rendere ancora più magico quell'istante sono state le note di One. Erano iniziate poco prima che arrivasse il mio turno e questo ha fatto sì che gli U2 mi accompagnassero, ancora una volta, in un'esperienza che non dimenticherò per il resto della vita...